24/25 GIUGNO 2017

A CHIUSA PESIO

Località Roccarina, avrà luogo

la manifestazione

VIAGGIO NEL TEMPO: SCONTRO TRA CLAN

SITO REALIZZATO DA JESSICA PITTAVINO

HOME PAGE
MANIFESTAZIONEManifestazione.html
CENNI STORICICenni_storici.html
GALLERIA Galleria.html
DOWNLOAD Download.html

Via Fratelli Carle, 24 - 12013 Chiusa Pesio • Email: flamulasca@libero.it

 

CONTATTI

FOLLOW US

Cerca Flò Flamulasca su Facebook

VIVERE LA STORIA COME UN VIAGGIO NEL TEMPO

L’ASSOCIAZIONE

La storia dell’associazione culturale Flamulasca nasce ben prima del suo atto costitutivo redatto nel gennaio 2015. L’amore per la storia degli attuali associati era già vivo da tempo ma ognuno restava isolato nelle sue passioni finché il recupero da parte della Guardia di Finanza di 319 pezzi riconducibili ad un ripostiglio della prima età del ferro VIII sec a.C. offrì l’occasione per i primi contatti e scambi di opinioni. A questo punto un piccolo gruppo dei futuri associati ha iniziato ad interessarsi con più insistenza all’archeologia e alla sperimentazione delle pratiche di fusione dei metalli per toccare con mano quali fossero le difficoltà e le soddisfazioni legate alla metallurgia. La collaborazione con il parco del Marguareis e il comune di Chiusa Pesio ha reso possibile la costruzione di un villaggio protostorico che fu l’inizio, anche se un po’ travagliato, di un percorso che ha portato alla costruzione di due capanne rispondenti ai requisiti storici e strutturali dell’epoca, sotto la supervisione degli ispettori della Soprintendenza ai Beni Archeologici del Piemonte e alla costituzione dell’Archeopark didattico della Roccarina. La rievocazione “Viaggio nel tempo a Flamulasca” è stata ideata dai fondatori dell’associazione per presentare la storia di Chiusa Pesio è giunta alla terza edizione e già si sta pensando alla quarta con nuove attività e nuove avventure degli abitanti. L’organizzazione delle rievocazioni storiche non è però l’obiettivo principale dell’associazione ma un mezzo per divulgare la storia antica della Valle Pesio in modo piacevole. Per concludere: l’associazione Flamulasca ha l’obiettivo di coinvolgere i concittadini e in particolare i giovani alla consapevolezza dell’importanza di preservare ogni piccolo ritrovamento di carattere archeologico e insegnare, coinvolgendo i ragazzi in giochi, rievocazioni e sperimentazioni che possano indurli all’amore e al rispetto per la propria terra. Occorre far capire ai cittadini la necessità di rispettare il patrimonio archeologico del territorio che è patrimonio dell’intera comunità per cui se capita di scoprire casualmente dei reperti occorre consegnarli alle autorità preposte in modo da accrescere le conoscenze sul nostro passato. Ogni oggetto rinvenuto nel terreno, secondo il codice dei Beni Culturali, appartiene allo Stato. Ma chi è lo Stato? Siamo noi, per cui chi sottrae reperti archeologici ruba a tutti noi.